homepage

Il nostro viaggio parte alla scoperta della Terra d’Arneo, un territorio disseminato da masserie, ville liberty, case coloniche, “pajare” e altre costruzioni legate alla tradizione rurale. Un territorio dove la ricchezza artistica, l’ospitalità e la qualità della vita ci faranno immergere in un mondo di pace e bellezza. In queste terre si sono avvicendate culture diverse, tra approdi e partenze, invasioni e lotte contadine per la terra e per la libertà.
Meta del nostro delizioso soggiorno è la splendida Masseria la Cornula, nei pressi di Nardò, immersa in una natura meravigliosa e incontaminata, dove la produzione biologica è possibile per posizione ed estensione. Una sfida che Cesare Sabato, già imprenditore nel campo della finanza, ha voluto intraprendere con la sua famiglia per portare avanti la filosofia aziendale che ben si sposa con Buonaterra. Fiore all’occhiello dell’azienda sono le camere moderne, la confortevole Spa, il ristorante e l’Oil Bar dove potremo apprezzare le etichette pluripremiate. Nel 2016 gli oli DOP Terra D’Otranto e Frantoio prodotti dalla masseria La Cornula sono stati vincitori della competizione mondiale "The World's Best Olive Oils ".

Oltre all’olio EVO la Masseria la Cornula produce con dedizione altri prodotti d’eccellenza sia per il consumo interno che per la commercializzazione. Nel ristorante alla carta, saremo condotti in un’inenarrabile esperienza di gusto, un viaggio indimenticabile tra profumi e sapori del Salento.
Dopo la prima colazione in masseria a base di dolci specialità salentine, yogurt e frutta fresca di stagione di produzione biologica della masseria potremo scegliere se lasciarci coccolare nella zona benessere o proseguire l’itinerario per la visita della vicina Nardò.
Un suggestivo itinerario tra palazzi nobiliari in stile barocco e rococò, dove la massima espressione si trova nella guglia dell’Immacolata.
Nardò è stata per secoli un importante centro bizantino, sede di Università, di Accademie e di studi letterari e filosofici, tanto da essere definita la Nuova Atene litterarum. La costa ionica, dove la bella cittadina si affaccia, è tra le più incantevoli della regione, degne di menzione Santa Maria al bagno e santa Caterina, dove è irresistibile un tuffo nelle acque incontaminate.

Nel pomeriggio partenza per Copertino. Circondato da un ampio fossato troviamo il castello normanno-svevo spesso sede di iniziative culturali. Fonte di ispirazione per le nuove tendenze del design sono i materiali tradizionali di produzione artigianale locale, tra i quali: la pietra, la terracotta, il vetro, il ferro e la cartapesta. Copertino fin dal quattrocento è stata famosa per la produzione dell’olio, oggi il vino Copertino doc è prodotto in diverse cantine della zona.