homepage

Un percorso dal passato al futuro dell’olio, attraverso scienza, storia, territorio e cultura: è l’idea alla base del progetto che l’associazione Buonaterra - Movimento Turismo dell’Olio Puglia presentato il 14 settembre al Baglioni Carlton Hotel di Milano, per la riscoperta della cultura dell’extravergine e del turismo legato all’ulivo in Puglia.
L'olio extravergine d'oliva è uno dei prodotti cardine dell'agricoltura regionale – dichiara Donato Taurino, presidente dell'associazione – e Buonaterra punta a valorizzarlo in tutti i suoi aspetti, in Italia e all'estero, non solo come prodotto d'eccellenza ma anche come traino del turismo enogastronomico e come simbolo della civiltà frantoiana che da sempre contraddistingue la Puglia”.

Durante l’evento, condotto dal direttore dell’associazione Doriana Cisonno e dal giornalista Maurizio Pescari, tra le firme più autorevoli del panorama dell’informazione dedicata alla cultura dell’olio e all’olivicoltura, sono state illustrate le iniziative che avranno luogo, in Puglia e su tutto il territorio nazionale, per promuovere e valorizzare l’ “oro verde” d’Italia.

Si parte l’8 e 9 dicembre con un grande evento, ABC OLIO: tra passato e futuro, una due giorni dedicata alla cultura millenaria dell’ulivo, alla storia e al futuro del prodotto principe della Puglia, nel suggestivo borgo di Acaya, nel cuore del Salento, terra di storia e cultura millenaria dell’ulivo.
La prima giornata, dedicata agli addetti ai lavori, sarà incentrata sulla formazione nei diversi aspetti della cultura frantoiana, dalla storia alla produzione all’impatto paesaggistico, con la partecipazione di prestigiosi relatori nazionali e internazionali. Parteciperanno tra gli altri: Serenella Moroder, vicepresidente MTV nazionale, Xiaowen Huang della CLUBalogue Academy di Taiwan, lo chef Carmelo Greco, direttore dell’omonima Scuola di cucina a Francoforte, i docenti universitari Maria Lisa Clodoveo (Università degli studi di Bari) e Amedeo Maizza (Università del Salento), lo storico e architetto del paesaggio Antonio Monte.
La seconda giornata sarà invece aperta al pubblico, con attività per “toccare con mano” la cultura dell’olio: non solo degustazioni, ma anche la mostra-mercato dei produttori soci di Buonaterra, l’esposizione “Uliando Uliando” del fotografo Carlo Toma, contest, giochi sensoriali, videoproiezioni, degustazioni, seminari di formazione e itinerari di visita lungo le vie degli ulivi, negli antichi luoghi di produzione dell’olio della zona, dai frantoi ipogei alle antiche abbazie-masserie.

La programmazione prosegue a febbraio con gli Ulivo Days della potatura: nelle quattro domeniche di febbraio (4, 11, 18, 25 febbraio 2018) il pubblico potrà immergersi nel cuore della cultura frantoiana, partecipando alla potatura delle piante e degustando l’olio nuovo nei frantoi e nelle aziende socie di Buonaterra.

L’appuntamento con i frantoiani si rinnova a maggio con l’Ulivo Day, la grande giornata dedicata all’extravergine in cui le aziende del Movimento Turismo dell’Olio in tutta Italia aprono le proprie porte ai visitatori, per visitare frantoi e uliveti e incontrare i protagonisti della cultura dell’extravergine. Entrambe le iniziative sono state studiate per offrire una vera e propria immersione nella cultura rurale e nel patrimonio degli ulivi di Puglia, con percorsi di visite guidate per il pubblico ed educational tour riservati alla stampa e agli addetti ai lavori.

“ABC Olio: la cultura dell’olio extravergine” è un progetto presentato da Buonaterra - Movimento Turismo dell’Olio Puglia a valere sul fondo di sviluppo e coesione - FSC -2014-2020 “Patto per la Puglia”, Avviso pubblico per iniziative progettuali riguardanti le attività culturali, promosso dall’Assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia.

LE IMMAGINI DELLA SERATA